venerdì 17 novembre 2017

AL BRIAN & BERRY : MOSTRA FOTOGRAFICA ED ESPOSIZIONE DI THAIS GIOIELLI MILANO


Milano - Dal 20 novembre al 4 dicembre 2017 si tiene da Brian&Berry Building di via Durini a Milano la mostra fotografica di Thais Gioielli Milano (ingresso gratuito). 
Si tratta di un'esposizione tutta al femminile per mettere in evidenza le varie sfumature della donna moderna, indipendente e forte. Per farlo, la modalità scelta è quella dell’immagine, attraverso una serie di foto dedicate alla nuova collezione di gioielli “Seducão" disegnati da Thais Bernardes, modella e imprenditrice brasiliana. La testimonial è Silvia Casonato, una fra le più importanti social-influencer italiane con oltre 700.000 follower e una popolarità equamente ripartita fra Italia, Europa e Stati Uniti. Le fotografie sono di Daniele Scarso, genio creativo che ha saputo combinare emozioni e particolari in scatti da ammirare.

La nuova collezione di Thais Gioielli Milano viene interpretata in chiave forte e seducente per raccontare e togliere ogni dubbio sulla forza delle donne che sanno conquistare il loro spazio in un mondo dove, purtroppo, ancora troppi veli vengono posti sul volto femminile. Il messaggio sociale compare quindi con forza in ogni immagine e l’accessorio Thais Gioielli Milano diventa semplicemente il pretesto per raccontare uno spaccato di quotidianità.
L’eleganza del messaggio veicolato, unito al valore del gioiello e al seguito social di Silvia Casonato, si pongono come obiettivo quello di raggiungere una platea quanto più numerosa e variegata. 

Thais Gioielli Milano è un giovane brand di gioielli che in poco tempo è riuscito a conquistare l’attenzione e l’apprezzamento di clienti e negozi prestigiosi grazie alla qualità dei materiali usati per i suoi gioielli, lo stile contemporaneo e i messaggi trasmessi con le campagne pubblicitarie e le iniziative intraprese. I gioielli Thais sono un mix tra Italia e Brasile, qualità e tradizione, dettagli e leggerezza, eleganza e moda.

“Abbiamo scelto di presentare la mia nuova collezione in un contesto esclusivo, associandolo al valore dell’immagine e del messaggio di donna moderna – sottolinea Thais Bernardes , ideatrice e titolare del brand Thais Gioielli Milano – e con soddisfazione ci presentiamo al pubblico di Milano, centro indiscusso della moda internazionale, in un modo innovativo, con l’obiettivo di colpire l’occhio ed il cuore della gente”.

“Ringrazio Thais per la straordinaria occasione propostami – sottolinea Silvia Casonato – Troppe volte chi indossa un gioiello incarna uno sterile marchio privo di emozioni. In questo caso, la collezione è il tramite per raggiungere uomini e donne di ogni parte del mondo, per coinvolgerli in una modernità che passa attraverso un accessorio di valore e si affianca alla vita di tutti i giorni”.

Per info: www.thaisbernardes.com (Omniapress-17.11.2017)

martedì 14 novembre 2017

OREGON SCIENTIFIC PRESENTA "SMART GLOBE EXPLORER": PRIMO GIOCATTOLO CON REALTA' AUMENTATA



Milano - Oregon Scientific presenta il nuovo "Smart Globe Explorer SG338R" (prezzo consigliato al pubblico: 129,99 euro): per la prima volta al mondo, la realtà aumentata entra nel mondo del giocattolo per insegnare la geografia, le condizioni climatiche del nostro pianeta, le bandiere di tutti gli stati del mondo, il nostro sistema solare, la composizione interna della Terra ma anche i monumenti più importanti e le curiosità più incredibili di ciascun Paese. Il nuovo prodotto è stato presentato a Milano, presso lo store Oregon Scientific di Via Pattari 2. 

Basterà scaricare l’app e inserire il codice QR che si trova sulla confezione o sul manuale d’istruzioni per entrare nella realtà aumentata dei nuovi Smart Globe e imparare giocando. Ci sarà Patrick che accompagnerà lungo il viaggio portando a scoprire gli animali che oggi vivono in un continente e i dinosauri che ci vivevano milioni di anni fa, a imparare che il Taj Mahal è un monumento costruito per amore o ancora che la capitale dell’Australia è Canberra. 

Con oltre 20.000 contenuti, due lingue disponibili (italiano e inglese) e altre due scaricabili tramite gli aggiornamenti con la connessione wifi (francese e spagnolo), le informazioni potranno essere selezionate anche in base alla fascia d’età del ragazzo con contenuti adattati e resi più semplici per i più piccoli. La realtà aumentata diverrà visibile sia con il globo aperto con incredibili informazioni, selezionabili in base alla fascia d’età del ragazzo (5-8 o 9-14 o 15+) relative al sistema solare o alla struttura della terra, o a globo chiuso con informazioni  in merito a animali dinosauri,  monumenti,  condizioni climatiche e bandiere del mondo. L’importante è selezionare con attenzione l’età di chi utilizza lo Smart Globe per non rendere poco interessanti le informazioni per un ragazzino di 15 anni o, al contrario, rendere poco comprensibile il tutto a un bimbo delle elementari.

Per info: www.oregonscientific.it (Omniapress-14.11.2017)




lunedì 13 novembre 2017

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE: IL MODELLO LOMBARDO. CONVEGNO DI MOTORE SANITA'




Milano - Il 29 novembre 2017 (ore 9:30-15) presso Palazzo Pirelli (Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22, Milano) si tiene l'incontro: "Modello lombardo: la presa in carico del paziente", organizzato da Motore Sanità. 

Nella presentazione dell'iniziativa si dice che la Regione Lombardia lancia il nuovo progetto di riforma della presa in carico della cronicità. Un modello di cura del paziente cronico e fragile capace di rispondere pienamente e tempestivamente ai cambiamenti in atto nella società, riorganizzando il sistema socio-sanitario sulla base della consapevolezza che l’aumento della cronicità chiede oggi di cambiare modi, tempi e processi. 
Seguendo le linee guida tracciate dal Piano Nazionale della Cronicità, con la DGR 4662/2015 la Regione ha pertanto analizzato e stratificato la domanda di salute della popolazione, arrivando così a una ridefinizione della rete di offerta in un nuovo modello di presa in carico delle cronicità in grado di porre il cittadino al centro di un percorso di assistenza personalizzato e accompagnato. Occorrerà garantire le attività di coordinamento e accompagnamento nel loro disegno generale e operativamente solo dopo che si conoscerà il numero effettivo dei pazienti reclutati dalle ATS, assegnati ai singoli gestori e con effettiva presa in carico col patto di cura. Tale criterio è supportato dalle regole di ordinamento dei cosiddetti cluster, raggruppamenti costituiti da soggetti, distinti per patologia e livello di complessità, individuati attraverso profili di consumo, specifici per ambiti ben precisi: il farmaceutico, l’ambulatoriale e il ricovero ospedaliero. I medici di medicina generale e le farmacie che da sempre sono i punti di riferimento della sanità regionale sul territorio, anche nella riforma di Regione Lombardia sul malato cronico, collaboreranno per dare assistenza e maggiori servizi ai cittadini.

Per info e programma: www.motoresanita.it  (Omniapress-13.11.2017)


martedì 7 novembre 2017

A GOLOSARIA 2017 L'ECCELLENZA ENOGASTRONOMICA. "OLTRE IL BUONO": QUALITA' E SALUTE


Milano (E.L.) - Si chiama “Golosaria” ed è la rassegna di cultura del gusto più ghiotta del panorama italiano. La prossima settimana, dall’11 al 13 novembre 2017 , negli spazi del Mi.co – Milano Congressi, 300 produttori di cibo e vino e oltre 20 cucine di strada esporranno le eccellenze dell’enogastronomia italiana declinando le ultime tendenze del mondo agroalimentare con incontri, showcooking e degustazioni guidate.

La sfida è semplice quanto mai ambiziosa: superare il concetto di “Oltre il Buono” dedicando attenzione non solo alla qualità dei prodotti ma anche a quanto facciano bene, all’insegna di una continua innovazione in agricoltura e nell’artigianato alimentare.
Un fitto calendario di eventi porterà il visitatore a scoprire e approfondire tematiche inerenti il mondo della gastronomia, quali ad esempio la professionalità dell’oste italiano, l’economia circolare del cibo, la dimensione della comunità del cibo o ancora la valenza storico-culturale dei prodotti esposti.

A Golosaria sono 200 i produttori che rappresentano la qualità diffusa, dai formaggi ai salumi a una straordinaria partecipazione dei dolci che rappresentano una speciale area di interesse della rassegna (con 50 tra pasticcerie e cioccolaterie selezionate). I prodotti del Golosario saranno di scena anche nell’area lab con un fitto calendario di appuntamenti che vedranno sfilare anche le produzioni artigianali dei Maestri del Gusto di Torino e gli specialisti del caffè Diemme che porteranno un affondo sul mondo delle estrazioni.

Oltre 100 espositori tra le migliori cantine italiane del Golosario, la presenza di due grandi Consorzi, quello della Barbera d’Asti e dei vini del Monferrato, Consorzio per la Tutela dell'Asti e quello dell’Oltrepò Pavese, il sistema di tenute (Fattoria del Cerro, La Poderina, Monterufoli, Colpetrone, Tenuta di Montecorona) del gruppo Unipol, che è anche sponsor ufficiale di Golosaria, un focus sui vini sardi con il progetto Envision Gallura, la cordata piemontese del Consorzio Eccellenze Langhe Monferrato Roero e un calendario di appuntamenti con i grandi del vino selezionati tra i Top Hundred. Ma domenica saliranno sul palco anche i Top Hundred 2017, ovvero i 100 migliori vini d’Italia selezionati ogni anno da Gatti e Massobrio senza mai premiare le cantine degli anni passati (dal 2002 ad oggi).

Il recupero degli avanzi passa poi attraverso l'offerta della Doggy Bag che entra tra gli skills dei locali selezionati dal GattiMassobrio (indicato da un apposito pittogramma). E la sorpresa è vedere come la qualità si accompagni all'etica: sono 1623 (oltre la metà) quelli che danno la possibilità ai clienti di portarsi a casa le eccedenze. Regione più virtuosa d'Italia la Lombardia con 433 ristoranti su 675 titolari che offrono questo servizio. A Golosaria se ne discuterà con Comieco e il progetto Doggy Bag Se avanzo mangiatemi.
A volte è il recupero di una tradizione che si credeva ormai persa; altre volte invece è la nascita di una nuova tendenza. Denominatore comune, nella maggioranza dei casi, dei giovani imprenditore con delle buone idee. Tra le curiosità in mostra: l'aglio nero e il rabarbaro italiani, la manna madonita (oggi sviluppatasi in un consorzio dopo l'impulso dato dal panettone). Ci sarà spazio anche per parlare di distribuzione, con il sistema delle Ciberie che proprio lo scorso anno ha debuttato a Golosaria.

La domotica e il cibo “stampato”. A Golosaria ci sarà modo di vedere come sarà il prossimo futuro con un progetto universitario sulle stampanti per il cibo in 3D, con le soluzioni di domotica di Evolvere e con le attrezzature Frigo2000, SubZero, Wolf, Bora, V Zug, per una cucina domestica che diventa pari a quelle professionali.

‪La grande cucina degli osti italiani, fatta di innovazione e sperimentazione ma senza cedere al virtuosismo sarà al centro del fitto programma di showcooking (50 tra showcooking, appuntamenti BBQ e Atelier dell'arte bianca, lab) con gli chef della guida GattiMassobrio e l'area dedicata al BBQ. Ci sarà come di consueto attenzione anche al benessere e alla salute, temi cari a Lauretana storico partner della rassegna che su questo palco porterà anche il suo impegno con la Fondazione Veronesi. L’area ristoro di Golosaria vedrà invece protagonista la Cucina di Strada che cresce come referenze rispetto allo scorso anno: saranno 15 a riproporre uno spaccato della tradizione on the road italiana che comprende pane ca meusa, arrosticini di pecora, farinata, panzerotti (al goji).

‪A Golosaria (NOVITA' 2017) debutta l'area Atelier dell'arte bianca dove gli esperti di Petra racconteranno in 10 appuntamenti la rivoluzione che si è innescata nell'ambito della panificazione e soprattutto della pizza negli ultimi anni. Golosaria sarà anche il palco dove celebrare, con un raduno dei pizzaioli che hanno abbracciato questa filosofia, l'anniversario del Manifesto della pizza italiana contemporanea siglato nel 2012 a Vighizzolo d'Este.

Al centro della manifestazione ci sarà sempre di più l'editoria gastronomica con la nuova collana I libri del Golosario firmata in coedizione Cairo–Comunica. Sabato alle ore 17.30 la presentazione de Il Libro del riso Italiano, alle ore 18.30 L’Apericena non esiste! con Federico Francesco Ferrero e alle 19.30 Subito Barbecue alla presenza dell'autore Marco Agostini. Domenica sarà la volta de ilGolosario con il riconoscimento legato anche alla rivista Bell'Italia, mentre lunedì saliranno sul palco i protagonisti del GattiMassobrio 2018. Ma comunicazione è anche quella della rassegna che quest'anno vede tre importanti media partner: Radio Italia, Mentelocale e Trenord.

La miscelazione vista dall'Italia e con i prodotti italiani. A Golosaria si parlerà maggiormente di liquori, distillati e miscelazione con un calendario dedicato condiviso con alcuni grandi firme degli spirits nostrani come le Distillerie Berta o il Toccasana di Teodoro Negro o ancora i vermouth Gamondi e della Canellese, ma anche gli amari di Lombardi e Visconti di Abbadia San Salvatore i liquori veneti di Donna Frida, Amaro San Giuseppe.

A Golosaria spazio per esempi virtuosi di filiera, dall'olio EVO con l'Associazione Città dell'Olio fino alle Dop dei piccoli formaggi piemontesi e a un'eccellenza della produzione gastronomica nazionale come il Grana Padano, storico partner di Golosaria, che anche quest'anno sarà protagonista di diversi appuntamenti, in abbinamento con i grandi vini e le grandi birre della rassegna. Ma soprattutto sarà una Golosaria attenta al mondo dei cereali e al riso come esempio di una filiera capace di coinvolgere più realtà, come quest'anno ha voluto sottolineare nella sua area Regione Lombardia, presente con l’Assessorato Regionale all’Agricoltura. E sempre Regione Lombardia, con Explora, ha scelto Golosaria come tappa dove vidimare il passaporto #inLombardia, che i possessori potranno far timbrare a memoria di un grande viaggio nel gusto.

Per info: www.golosaria.it (Omniapress-7.9.2017)


martedì 31 ottobre 2017

"ONCOLOGIA 4.0": INNOVAZIONE E SOSTENIBILITA' NELLA IMMUNO-ONCOLOGIA



Padova - Si è tenuto il 30 ottobre 2017 presso l'Aula Magna dell'Istituto Oncologico Veneto di Padova l'incontro su "Oncologia 4.0. Immuno-Oncologia tra innovazione e sostenibilità", organizzato da Motore Sanità. 

Erano presenti: Domenico Mantoan, Direttore Generale Area Sanità e Sociale, Regione del Veneto - Patrizia Simionato, Direttore Generale IRCCS Istituto Oncologico Veneto, Padova - Pierfranco Conte, Direttore SC Oncologia Medica 2 IRCCS Istituto Oncologico Veneto, Padova - Direttore della Scuola di Specializzazione in Oncologia Medica Dipartimento di Scienze Chirurgiche Oncologiche e Gastroenterologiche Università di Padova - Coordinatore Rete Oncologica Veneta – Angelo Del Favero, Direttore Generale Istituto Superiore di Sanità - Francesco Benazzi, Direttore Generale ULSS 2 Marca Trevigiana, Treviso - Fabrizio Boron, Presidente V Commissione Politiche socio-sanitarie Regione del Veneto - Francesco Cobello, Direttore Generale AOUI, Verona - Luciano Flor, Direttore Generale AOU, Padova - Pietro Girardi, Direttore Generale ULSS 9 Scaligera Verona. 

Nella presentazione dell'iniziativa si dice che l’innovazione farmaceutica pone nuove sfide per la futura sostenibilità della spesa pubblica in ambito sanitario, poiché le nuove terapie costano di più ma garantiscono d’altra parte, maggiore efficacia e tollerabilità da parte del paziente. In Italia nel 2016 sono stati stimati 365.800 nuovi casi di tumore (189.600 negli uomini e 176.200 nelle donne). Si stima che oggi in questa regione vivano circa 212.100 cittadini dopo la diagnosi di tumore, una cifra in costante crescita. In questo contesto, gli stili di vita possono giocare un ruolo primario. Le terapie immuno-oncologiche promettono benefici duraturi e la speranza di una sopravvivenza a lungo termine e di qualità per pazienti che prima avevano ben poche alternative di trattamento disponibili. Ad esempio, fino a un quinto dei pazienti con melanoma metastatico trattati con le terapie immuno-oncologiche è risultato ancora in vita dopo dieci anni. In passato, nessun altro trattamento era mai stato in grado di prolungare la vita di questi pazienti. Pertanto, le terapie immuno-oncologiche sono potenzialmente in grado di rivoluzionare il trattamento di molti tumori e possono avere un impatto positivo fondamentale sulla capacità del paziente di tornare alla vita lavorativa e a condurre un’esistenza sana e produttiva. Il nuovo corso dell’oncologia, che spazia dai corretti stili di vita, agli screening, alle nuove armi terapeutiche, sta portando a una vera e propria rivoluzione nelle cure nel modo di approcciarsi a tali patologie.

Per ulteriori info: www.motoresanita.it (Omniapress-31.10.2017)

giovedì 26 ottobre 2017

RECORDATI: RICAVI A 963,8 MLN NEI PRIMI NOVE MESI 2017. UTILE NETTO 219,8 MLN


Milano - Il Consiglio di Amministrazione della Recordati S.p.A. ha annunciato di aver approvato la relazione finanziaria al 30 settembre 2017. 

Di seguito i principali risultati consolidati: 
  • I ricavi consolidati, pari a € 963,8 milioni, sono in crescita dell’11,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I ricavi internazionali crescono dell’11,7%.
  • L’EBITDA è pari a € 342,0 milioni, in crescita del 22,1% rispetto ai primi nove mesi del 2016, con un’incidenza sui ricavi del 35,5%.
  • L’utile operativo è pari a € 307,5 milioni, in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un’incidenza sui ricavi del 31,9%.
  • L’utile netto, pari a € 219,8 milioni, è in crescita del 20,6% rispetto ai primi nove mesi del 2016, con un’incidenza sui ricavi del 22,8%.
  • La posizione finanziaria netta al 30 settembre 2017 evidenzia un debito netto di € 321,7 milioni che si confronta con un debito netto di € 198,8 milioni al 31 dicembre 2016. Nel periodo sono stati distribuiti dividendi e conclusa l’acquisizione dei diritti di commercializzazione dei prodotti a base di metoprololo da AstraZeneca per un esborso complessivo di € 339,0 milioni. Il patrimonio netto si è ulteriormente incrementato ed è pari a € 1.054,9 milioni. 
Nel comunicato stampa Recordati si ricorda che nel mese di gennaio la Commissione dell’Unione Europea ha concesso l’autorizzazione all’immissione in commercio per Cystadrops® 3.8 mg/mL. Cystadrops® è il primo collirio a base di cisteamina cloridrato approvato nell’Unione Europea per il trattamento dei depositi di cristalli di cistina nella cornea in adulti e bambini dai 2 anni affetti da cistinosi. Cystadrops® era stato designato farmaco orfano dalla Commissione Europea a novembre del 2008. È stato sviluppato da Orphan Europe (società del gruppo Recordati) specificamente per i pazienti affetti da cistinosi. La cistinosi è una malattia da accumulo lisosomiale rara e congenita molto grave che può portare al decesso. È caratterizzata da un accumulo di cristalli di cistina che hanno un effetto deleterio su tutti gli organi del corpo, in particolare reni e occhi. Il trattamento sistemico con cisteamina, somministrata per via orale, porta beneficio ai pazienti che soffrono di cistinosi. Tuttavia, la cisteamina somministrata oralmente non risolve adeguatamente le manifestazioni oculari della cistinosi a causa della mancanza di vascolarizzazione nella cornea. In assenza di un adeguato e continuativo trattamento topico oculare, i cristalli di cistina si accumulano nella cornea con gravi conseguenze, che possono portare alla cecità nel lungo termine.

Nel mese di febbraio è stato firmato un accordo di licenza esclusivo a livello mondiale che ha come oggetto il know-how prodotto dall’Ospedale Meyer di Firenze per lo sviluppo di un trattamento per neonati pretermine che soffrono di retinopatia del prematuro (ROP). Il trattamento è al momento nella fase II di sperimentazione clinica nell’Ospedale Meyer e Recordati sarà responsabile della fase successiva dello sviluppo clinico e del processo regolatorio necessario per ottenere l’autorizzazione per la commercializzazione. La retinopatia del prematuro (ROP) è una patologia che può portare alla cecità e colpisce principalmente neonati pretermine che pesano 1,25 kg o meno e che sono nati prima di 31 settimane di gestazione. Questa patologia, che si sviluppa in genere in ambedue gli occhi, è una malattia rara, ma che rappresenta una delle cause più comuni di perdita della vista nell’infanzia e può portare a ipovisione per tutta la vita o anche cecità. Inoltre, l’accordo prevede che Recordati sostenga, per un periodo di tre anni, altri progetti condotti dai ricercatori del Meyer nell’ambito delle malattie rare. Questa collaborazione tra pubblico e privato è importante per valorizzare i risultati ottenuti dalla ricerca all’interno dell’Ospedale pediatrico fiorentino.

Nel mese di maggio è stato firmato un accordo con AstraZeneca per l’acquisizione dei diritti Europei che riguardano i prodotti Seloken®/Seloken® ZOK (metoprololo succinato) e la combinazione fissa Logimax® (metoprololo succinato e felodipina). L’operazione è stata conclusa il 30 giugno (e il 10 luglio per la parte riguardante la Romania) per un corrispettivo complessivo di $ 300 milioni (€ 267 milioni). Inoltre, saranno dovute royalties ad AstraZeneca per l’utilizzo dei marchi dei prodotti per un periodo concordato. Le vendite complessive in Europa nel 2016 dei prodotti oggetto della transazione sono state di circa € 100 milioni. Metoprololo succinato è un beta-bloccante indicato principalmente per il trattamento di varie patologie comprese l’ipertensione, l’angina pectoris, i disturbi del ritmo cardiaco, il trattamento di mantenimento in seguito all’infarto miocardico e i disturbi cardiaci funzionali con palpitazioni. È un farmaco ampiamente utilizzato in tutti i paesi europei che permetterà di rinforzare il portafoglio prodotti delle nostre filiali, in particolare in Polonia, Francia e Germania. Inoltre, le attuali vendite dei prodotti acquisiti forniscono anche una base per accedere a nuovi mercati e completare la nostra presenza in tutti i paesi europei. Recordati ha grande esperienza nella commercializzazione di farmaci per malattie cardiovascolari con un ampio portafoglio di farmaci per il trattamento dell’ipertensione e di patologie correlate oltre a una consolidata rete di informatori medico scientifici nei mercati europei.

In data 31 maggio 2017 Recordati S.p.A. ha emesso un prestito obbligazionario per € 125,0 milioni collocato privatamente e integralmente presso Pricoa Capital Group. Le principali condizioni prevedono un tasso fisso pari a 2,07% e una durata di 15 anni, con rimborsi annuali di capitale a partire dal 31 maggio 2025. L’operazione, finalizzata alla raccolta di liquidità necessaria a supporto della crescita del gruppo, ha consentito di beneficiare delle favorevoli condizioni di mercato.
Nel mese di giugno è stato firmato un accordo di licenza esclusivo con MimeTech, società di sviluppo italiana fondata da ricercatori dell’Università di Firenze, per lo sviluppo e successiva commercializzazione a livello globale di un peptidomimetico del fattore di crescita nervoso (NGF, nerve growth factor) umano a basso peso molecolare per il trattamento della cheratite neurotrofica, che ha già ottenuto la designazione di farmaco orfano nell’Unione Europea. L’accordo prevede anche altre indicazioni terapeutiche collegate con difetti del fattore di crescita nervoso. I termini dell’accordo prevedono il pagamento del corrispettivo alla firma del contratto e ulteriori versamenti saranno corrisposti in base all’andamento del processo di sviluppo e della successiva commercializzazione. La cheratite neurotrofica è una rara malattia degenerativa della cornea causata da un danno del nervo trigemino; nelle sue forme più severe colpisce meno di 1 persona su 10.000. La riduzione o perdita della sensibilità corneale è responsabile del danneggiamento dell’epitelio corneale che può condurre allo sviluppo di ulcere e perforazioni della cornea stessa. Le più comuni cause di cheratite neurotrofica sono: le infezioni virali (herpes simplex e herpes zoster), ustioni chimiche, lesioni fisiche e da chirurgia corneale. Neuroma, meningioma e aneurismi possono avere un impatto sulla riduzione della sensibilità corneale attraverso una compressione del nervo trigemino. Inoltre, anche alcune malattie sistemiche come diabete, sclerosi multipla e lebbra possono essere alla base della cheratite neurotrofica. L’epitelio corneale è il primo strato di cellule che mostra un cambiamento e un danno con una conseguente limitata capacità di autorigenerarsi. La progressione della patologia può condurre a ulcere e perforazione della cornea con un drammatico impatto sulle capacità visive del paziente.

Nel mese di luglio Gedeon Richter Plc. ha ottenuto l’autorizzazione dalla Commissione Europea per la commercializzazione di Reagila® (cariprazina), un innovativo farmaco antipsicotico per il trattamento della schizofrenia negli adulti, in tutti gli stati membri dell’Unione Europea. Nel mese di agosto del 2016 Richter e Recordati avevano firmato un accordo di licenza esclusiva per la commercializzazione di cariprazina in Europa Occidentale, Algeria, Tunisia e Turchia. La richiesta all’EMA (European Medicines Agency) per l’approvazione di cariprazina per il trattamento della schizofrenia include i risultati positivi di tre studi clinici, eseguiti in 1.800 pazienti, e di uno studio a lungo termine, che hanno utilizzato come endpoints primari di efficacia il cambio di gravità dei sintomi schizofrenici rispetto al basale, utilizzando la scala PANSS (Positive and Negative Syndrome Scale), e il tempo di recidiva. È stato anche eseguito uno studio clinico con risultati positivi in pazienti schizofrenici con prevalenza di sintomi negativi, oggetto di una pubblicazione in The Lancet (Cariprazine versus risperidone monotherapy for treatment of predominant negative symptoms in patients with schizophrenia: a randomised, double-blind, controlled trial; The Lancet Volume 389, No. 10074, p1103–1113, 18 March 2017).

Commenti del Vice Presidente e Amministratore Delegato, Andrea Recordati:
“I risultati economici ottenuti nei primi nove mesi dell’anno confermano la continua crescita del gruppo, con un forte incremento sia dei ricavi sia della redditività”, ha dichiarato Andrea Recordati, Amministratore Delegato. “Inoltre, sono state concluse importanti iniziative per lo sviluppo futuro sia per quanto riguarda l’attività dedicata al trattamento delle malattie rare con il rafforzamento della pipeline di prodotti con nuovi programmi di ricerca, sia in ambito specialistico con l’approvazione di cariprazina, un innovativo farmaco per il trattamento della schizofrenia. A partire del mese di luglio le nostre vendite includono i ricavi generati dai prodotti a base di metoprololo acquisiti da AstraZeneca che contribuiranno a rafforzare significativamente la nostra presenza in Europa fornendo anche una base per accedere a nuovi mercati e completare la presenza del gruppo in tutti i paesi europei”, ha continuato Andrea Recordati. “La crescita delle attività del gruppo è proseguita in modo positivo nel mese di ottobre e per l’intero anno 2017 si prevede di realizzare ricavi compresi tra € 1.290 e € 1.300page3image32136 milioni, un EBITDA tra € 450 e € 460 milioni, un utile operativo tra € 400 e € 410 milioni e un utile netto tra € 290 e € 295 milioni.”
Ulteriori delibere
Acconto dividendo 2017
Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di distribuire agli Azionisti un acconto sul dividendo relativo all’esercizio 2017 pari ad € 0,42 (al lordo delle ritenute di legge) per ciascuna azione in circolazione alla data di stacco della cedola, escluse quindi le azioni proprie in portafoglio della Società a tale data. L’acconto sul dividendo 2017 sarà posto in pagamento a decorrere dal 22 novembre 2017 (record date 21 novembre 2017), con stacco della cedola n. 20 in data 20 novembre 2017.
La società di revisione KPMG S.p.A. ha rilasciato il parere previsto dall’art. 2433 – bis, comma 5, del codice civile, che è disponibile presso la sede della Società.
La Relazione degli Amministratori ed i prospetti contabili della Recordati S.p.A. al 30 giugno 2017, sulla base dei quali il Consiglio di Amministrazione di quest’ultima ha deliberato la distribuzione dell’indicato acconto sul dividendo, sono disponibili presso la sede sociale e nel sito internet della Società www.recordati.it, nonché sul meccanismo di stoccaggio autorizzato 1Info (www.1Info.it).


Recordati, fondata nel 1926, è un gruppo farmaceutico internazionale, quotato alla Borsa Italiana (ISIN IT 0003828271), con più di 4.100 dipendenti, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione e alla commercializzazione di prodotti farmaceutici. Ha sede a Milano, e attività operative nei principali paesi europei, in Russia e negli altri paesi del Centro ed Est Europa, in Turchia, Nord Africa, Stati Uniti d’America, Canada, Messico e in alcuni paesi del Sud America. Un’efficiente rete di informatori scientifici del farmaco promuove un’ampia gamma di farmaci innovativi, sia originali sia su licenza, appartenenti a diverse aree terapeutiche compresa un’attività specializzata nelle malattie rare. Recordati si propone come partner di riferimento per l’acquisizione di nuove licenze per i suoi mercati. Recordati è impegnata nella ricerca e sviluppo di farmaci innovativi e in particolare di terapie per malattie rare. I ricavi consolidati nel 2016 sono stati pari a € 1.153,9 milioni, l’utile operativo è stato pari a € 327,4 milioni e l’utile netto è stato pari a € 237,4 milioni.

Per ulteriori info www.recordati.it (Omniapress-26.10.2017)


martedì 24 ottobre 2017

A MILANO LA PRIMA CLINICA MEDICA DEL GRUPPO ASSICURATIVO SPAGNOLO ASISA


Milano - Asisa, società leader nella sanità privata in Spagna, ha inaugurato a Milano (Via Vincenzo Monti 42)  la prima Clinica Asisa Care, centro con offerta di vari servizi medici e assicurativi. 

La Clinica propone piani di salute completi e calibrati su ogni esigenza specifica, con finalità di prevenzione e miglioramento del benessere sia fisico che estetico, avvalendosi del supporto di macchinari di ultima generazione. Ai piani di salute si affiancano servizi di eccellenza in sei aree medicali: medicina estetica, medicina ginecologica, medicina dentale, fisioterapia, osteopatia e nutrizione.   

Forte dei suoi oltre 40 anni di esperienza nel settore medico ed assicurativo in Spagna, dove conta più di 15 milioni di pazienti e oltre 2 milioni di assicurati, la Clinica Asisa Care si introduce nel mercato italiano abbinando alla sua grande competenza e al forte know-how un piano di sviluppo interamente Made in Italy: dagli specialisti al personale fino alle tecnologie medicali tra le più innovative.

Siamo molto orgogliosi di inaugurare la prima Clinica in Italia, dove siamo arrivati con l’obiettivo di rimanere e crescere, con un’offerta completa e di altissima qualità, oggi in ambito medicale ma che ben presto sarà ampliata a quello assicurativo”, afferma Fernando Liñan, Amministratore Delegato di Clinica Asisa Care e della Succursale in Italia di Asisa SAU. “La Clinica Asisa Care di Milano è solo il primo passo che muoviamo nel Bel Paese guardando allo stesso tempo avanti con lungimiranza: la nostra strategia prevede, infatti, nel breve tempo, ulteriori investimenti che, in sinergia con le nostre competenze, al personale e alla tecnologia totalmente Made in Italy, ci porteranno all’apertura di altri poli d’eccellenza”. 

L’inaugurazione di Clinica Asisa Care a Milano si inserisce nel piano di sviluppo del Gruppo Asisa, che ha scelto l’Italia per estendere ed implementare il proprio impegno nell’offrire salute e benessere a 360°. “L’Italia è il Paese più vicino culturalmente e socialmente alla Spagna”, continua Fernando Liñan. “Siamo venuti qua per offrire servizi sanitari di eccellenza su misura per il mercato locale, con l’idea di esportare poi questa esperienza in Spagna”.    

La strategia per l’Italia prevede, inoltre, la realizzazione di un Centro di medicina preventiva dedicato alla donna che riunisce tutti i metodi e gli approcci diagnostici sulle specifiche patologie che colpiscono il gentil sesso.

“La gestione medica della Clinica Asisa Care, particolarmente attenta all’universo femminile, è per noi motivo di grande orgoglio”, afferma la dottoressa Luzemira Silva, Direttore Sanitario Clinica Asisa Care. “Abbiamo a cuore la salute e il benessere dei nostri pazienti e proprio per questo abbiamo messo a punto dei percorsi sanitari completi, che abbinano alle singole prestazioni mediche trattamenti studiati su misura per i pazienti ai fini della prevenzione, aspetto oggi fondamentale per tutelare la propria salute”.
  
Il Gruppo Asisa, con 1.224 milioni di euro di fatturato nel 2016, 2.000.000 di assicurati e l’erogazione di prestazioni per un valore superiore agli 800 milioni di euro l’anno, è la società leader nella sanità privata sul mercato spagnolo. Il suo azionista unico è Lavinia Società Cooperativa, la più grande cooperativa medica spagnola che raggruppa oltre 10.000 medici. In Spagna Asisa mette a disposizione dei propri assicurati 15 cliniche ospedaliere, 18 centri medici diffusi sul territorio iberico, funzionali ed equipaggiati di tecnologia all’avanguardia e 26 moderne cliniche dentali certificate ISO 9001. Negli ultimi anni il Gruppo Asisa ha intrapreso un processo di internazionalizzazione e nel 2017 approda in Italia con la sua attività medica e assicurativa, inaugurando a Milano la prima Clinica Asisa Care.

Per ulteriori informazioni:   www.asisa-care.com (Omniapress-23.10.2017)

martedì 17 ottobre 2017

MALATTIE RARE: RAPPORTO ANNUALE DELL'OSSERVATORIO FARMACI ORFANI (OSSFOR)


Roma – Il 9 novembre 2017 (ore 9,30 - 13 presso Palazzo Giustiniani a Roma, su invito) si tiene la presentazione del "Rapporto annuale OSSFOR - Osservatorio Farmaci Orfani".  

L’Osservatorio Farmaci Orfani (OSSFOR) è il primo centro studi e think-tank interamente dedicato allo sviluppo di policy innovative per la governance e la sostenibilità del settore delle cure per malattie rare. Nasce nel 2016 da una iniziativa congiunta del centro di ricerca C.R.E.A. Sanità (consorzio per la ricerca economica applicata in sanità) e della testata giornalistica Osservatorio Malattie Rare (OMAR) con l’obiettivo di colmare la lacuna di conoscenze e informazioni sul settore e per favorire su tali informazioni un confronto aperto e diretto tra istituzioni e principali stakeholder.
Recentemente è stato annunciato un accordo siglato alla Camera dei Deputati tra l’Intergruppo Parlamentare Malattie Rare e l’Osservatorio Farmaci Orfani (OSSFOR), l’Alleanza Italiana per le Malattie Rare. Promotori dell’iniziativa l’On. Paola Binetti e la Sen. Laura Bianconi, coordinatrici dell’Intergruppo nelle due ali del Parlamento. Obiettivo dell’Alleanza, secondo il Memorandum d’Intesa è favorire un circolo virtuoso di collaborazione tra la società civile ed il mondo politico istituzionale finalizzato a una migliore organizzazione dell’intero settore delle malattie rare e dei farmaci orfani.
L’Intergruppo Parlamentare per le Malattie Rare è composto da parlamentari della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica uniti dalla comune sensibilità al tema delle malattie rare. L’Intergruppo nasce nel 2012 per promuovere un dibattito a livello parlamentare nel quale convergano aspetti scientifici, clinici e sociali, economici e politici.
Per info: www.osservatoriofarmaciorfani.it/ (Omniapress-16.10.2017)

lunedì 16 ottobre 2017

MICRO-ASSICURAZIONI DIGITALI ON DEMAND: NASCE "YOLO"



Milano - E' stato presentato alla Fondazione Mansutti di Milano YOLO (www.yolo-insurance.com), la prima azienda di intermediazione assicurativa totalmente ed esclusivamente digitale che lancerà nuovi prodotti distribuiti con modalità innovative, micro-insurance (polizze fino a 10 euro) e digitale. 

You Only Live Once” è claim della nuova piattaforma online che contribuirà a rivoluzionare la distribuzione di prodotti assicurativi in Italia, incrementandone la penetrazione sul mercato. Pay per use e attivabili in tempo reale, i prodotti disponibili su YOLO saranno sottoscrivibili, anche da mobile, in totale sicurezza. Il pagamento dei premi e la sottoscrizione di un’offerta potranno essere circoscritti nel tempo o anche giornalieri, ed effettuati utilizzando i principali strumenti di pagamento digitali. 

L’offerta è basata sulle reali esigenze del cliente e del suo profilo, studiata per adattarsi alle sue abitudini, alla sua vita personale e professionale, grazie all’utilizzo di tecnologie abilitanti quali Internet of Things, Artificial Intelligence e ChatBot. 
L’essere completamente digitale consente oltre all’ottimizzazione dei costi, una customer experience superiore e in linea con le nuove aspettative del mercato. 

Assicurarsi per una semplice partita di tennis, per un week end al mare o alla guida di una bicicletta, ma anche proteggere il proprio smartphone per periodi limitati ora sarà possibile grazie a YOLO. 

Le aree di prodotto proposte sono quattro: YOLO viaggi (per assicurarsi quando si è in viaggio o fuori casa) YOLO beni (che protegge ogni cosa intorno a noi); YOLO persone (che assicura nella vita di tutti i giorni); YOLO salute (che mette a disposizione prodotti e servizi sul piano sanitario e a breve lancerà un'innovativa polizza dentistica). 

YOLO è un intermediario assicurativo iscritto al RUI che distribuisce in Italia i prodotti dei principali Gruppi assicurativi operanti a livello nazionale e internazionale. E’ già previsto un piano di sviluppo anche a livello europeo. 

La struttura societaria è composta da azionisti qualificati, professionisti e operatori del settore tra i quali primari fondi di venture capital, Simone Ranucci Brandimarte, Gianluca De Cobelli e Mansutti S.p.A. uno dei principali broker del mercato italiano. 

“Il fintech ha gradualmente e inesorabilmente rivoluzionato la distribuzione dei prodotti finanziari e lo stesso sta accadendo per il settore assicurativo”, ha dichiarato Gianluca de Cobelli co-fondatore di YOLO. 

“YOLO, tra le prime Insurtech company in Europa, è una risposta concreta alle esigenze di un mercato che, grazie alla spinta della digitalizzazione in atto, richiede sempre più prodotti innovativi in termini di semplicità, flessibilità, accessibilità e convenienza” sottolinea Simone Ranucci Brandimarte co-fondatore e CEO di YOLO. 

Tomaso Mansutti, AD di Mansutti SpA ha aggiunto “L’offerta assicurativa italiana ad oggi mette il nostro paese tra i fanalini di coda nel rapporto tra premi danni, non auto, e PIL con lo 0,9%, rispetto ad altri paesi che superano l’8%, ma anche in rapporto a paesi vicini culturalmente a noi, come la Spagna, con il 2%. C’è molto spazio per dare soluzioni innovative e personalizzate sui reali bisogni dei clienti. YOLO è un acceleratore che favorirà questa crescita”

YOLO è il primo intermediario assicurativo totalmente ed esclusivamente digitale. Opera attraverso una piattaforma proprietaria che permette di accedere e sottoscrivere in tempo reale i prodotti dei maggiori Gruppi assicurativi operanti a livello nazionale e internazionale. YOLO è il partner ideale sia per le compagnie assicurative che necessitano di distribuzione digitale verso il consumer e di soluzioni in ambito Martech, sia per i grandi Gruppi industriali e finanziari, interessati a sviluppare la propria offerta sul mercato in ambito assicurativo. 

Per info: www.yolo-insurance.com (Omniapress-16.10.2017)